Dipinto a mano?

08

NIKON D80, 90 mm. F 11, 1/200 sec.

Dove: Castel Thun, Trentino

Quando: 2011

Foto racconto: Al termine di una istruttiva e gustosa gita guidata (si a volte è necessario farle per poter avvicinarti un pò di più alla realtà) si esce da Castel Thun e si percorre un sentiero, curato, che riporta ai pullman. Su una curva del sentiero si apre questo giardino naturale. Una festa di colori, un piacere per gli occhi ed una tentazione troppo forte.

Un quadro impressionista? un paesaggio di Klimt? forse solo un tornare indietro indietro negli anni quando eravamo tutti un pò più innocenti e coglievamo fiori di campo.

Fiori di campo è anche il titolo di una collana che Navarra Editore cura con l’associazione culturale Peppino Impastato, e Fiori di campo è anche il titolo di una poesia di Peppino nato a Cinisi il 5 gennaio 1948 e qui morto – per mano mafiosa – il 9 maggio del 1978.

Ciuri di campo chi nasci
beati l’occhi di cu lu pasci
Ciuri di campo chi crisci
e la lapuzza inchi lu visci
ciuri di campu chi mori
chianci la terra chianci lu cori.

ciuri chi nasci
ciuri chi crisci
ciuri chi mori
chianci la terra chianci lu cori.

Comu ciuri di campu nascisti
e la terra ti fici di matri
Comu ciuri di campu criscisti
e la lotta ti fici di patri
Comu ciuri di campu muristi
na sira i maju chi stiddi tristi.

ciuri chi nasci
ciuri chi crisci
ciuri chi mori
chianci la terra chianci lu cori.

 

 

    This entry was posted in 2011, Fotoracconto, Nature, Trentino and tagged , . Bookmark the permalink.

    Leave a Reply